Brexit: novità sul mercato immobiliare

Brexit: possible shock sui prezzi delle case, ma il mercato si sbloccherà dopo mesi di stallo
Si prospetta un’estate calda per il mercato immobiliare londinese. La vittoria di Brexit nel referendum di ieri sta portando come previsto il caos sui mercati finanziari e sta facendo precipitare la sterlina (-15% contro il dollaro, il maggiore crollo mai registrato in un giorno).

Secondo gli esperti, però, appena digerita la notizia-shock le compravendita potrebbero ripartire con decisione, spinte dall’indebolimento della valuta britannica che invoglierà gli investitori stranieri.

Il primo semestre dell’anno è stato caratterizzato da un stallo del mercato immobiliare, perché molti investitori avevano preferito stare alla finestra e attendere l’esito del voto. Chi ha siglato un accordo lo ha fatto spesso salvaguardandosi con una cosiddetta “clausola Brexit”, che significa che il contratto diventa invalido perché la Gran Bretagna ha scelto di uscire dall’Unione Europea.

Novità sui mutui, ecco cosa c’è di nuovo

Novità sui mutui, ecco cosa c’è di nuovo. la corsa dei mutui continua, e dopo le mosse Bce, saranno sempre di più quelli a tasso variabile per ora all’1% Per i prestiti già erogati, i tassi sono già da tempo sui minimi storici, e per quelli legati al tasso Bce, si parla quindi solo di 7-8 euro di risparmi per un mutuo da 150.000 euro a 20 anni. Invece per quelli legati all’Euribor, l’indice a tre mesi è già sceso in un anno da circa 0,03% a -0,22% e scenderà ancora.

Scenari Immobiliari: la crisi del mercato è finita, il mattone cresce più del Pil

La crisi del mercato immobiliare sembra essere finita in tutta Europa e anche in Italia dove per la fine del 2016 si prevede di arrivare a 500 mila compravendite grazie alla maggior facilità di accesso ai mutui, l’attesa della ripresa economica e la domanda dall’estero. A dirlo è l’European Outlook di Scenari Immobiliari, secondo il quale […]

Investimenti immobiliari in Europa, raggiunto il livello più alto dal 2007

Nella prima metà del 2015, gli investimenti immobiliari in Europa hanno fatto registrare i livelli più elevati dal 2007. A dirlo un report di Savills, che ha esaminato la situazione di 16 Paesi europei. Nei primi sei mesi dell’anno sono stati registrati investimenti per 102,5 miliardi di euro, la migliore performance dal 2007 e in […]

Mattone in ripresa nelle città di medie dimensioni

Finalmente arrivano alcune timide buone notizie dal mercato immobiliare italiano e a darle è Nomisma nel corso del suo periodico Osservatorio sul mattone. Secondo l’istituto, che ha analizzato l’andamento delle compravendite in tredici città campione di dimensioni medie, sia pur timido, il miglioramento è presente.

Mutui cdp, da gennaio prestiti fino al 100% del valore dell’immobile. ecco modalità e criteri di accesso

Da gennaio le famiglie che andranno a chiedere un mutuo potranno usufrire di tassi agevolati e di un importo che coprirà fino al 100% del valore dell’immobile. partirà infatti dal prossimo anno il piano della cassa depositi e prestiti che metterà a disposizione delle banche un plafond di due miliardi per l’erogazione di prestiti per l’acquisto della prima casa. ecco i criteri e le modalità per accedere al finanziamento

la data di partenza
ad annunciare la partenza del piano della cdp è stato lo stesso ministro delle infrastrutture maurizio lupi, nel corso della vita in diretta “c’eravamo impegnati a dire alle banche: date aiuto a chi vuole comprare la prima casa o a chi vuole ristrutturarla. abbiamo approvato il regolamento: 2 miliardi saranno messi a disposizione da cassa depositi e prestiti”

Il mattone in un periodo di frontiera con prezzi contenuti e buona qualità del prodotto (video intervista)

Nella cornice del Meca 2013, Marco Dettori presidente di borsa immobiliare di milano ha parlato con idealista news della particolare situazione che sta vivendo il mercato immobiliare. prezzi notevolmente più bassi e buona qualità dei prodotti nuovi rendono questo un importantissimo momento di frontiera. se la crisi ancora non è finita, si intravede già la fine del tunnel.

“siamo in un periodo di frontiera: il prodotto è qualitativamente migliore per il nuovo e con prezzi più abbordabili per l’usato”. se negli scorsi semestri il calo delle transazioni era a due cifre, adesso il saldo non è ancora positivo, ma la crisi sta rientrando

Focus I semestre 2013 sul mercato degli immobili residenziali

Il mercato immobiliare italiano attraversa un momento molto particolare della propria storia. Dopo anni di grande splendore a cui sono seguiti i periodi forse più bui del suo recente passato, adesso si incominciano ad intravedere alcuni segnali di movimento. Gli ultimi due mesi hanno fatto segnare indici positivi nella richiesta di finanziamenti per l’acquisto della prima casa e questo, ovviamente, è legato ai movimenti dei prezzi del mercato residenziale, analizzati come avviene ogni anno, dall’Ufficio Studi di Immobiliare.it che ha diffuso oggi i dati relativi al suo osservatorio semestrale.

A settembre mutui più facili? il governo arruola la cassa depositi e prestiti

5 miliardi di euro dalla cassa depositi e prestiti per ridare liquidità alle banche e riaprire i rubinetti dei mutui. stando a quanto dichiarato da maurizio lupi, ministro per le infrastrutture, l’accordo è ormai vicino e il 28 agosto il consiglio dei ministri approverà un piano casa che ha l’ambizione di porre fine alla crisi del mattone. abi, governo e ance sono al lavoro per esplorare tutte le vie possibili, ma a questo punto quella più certa è l’emissione di covered bond per sostenere i mutui, in particolare per l’acquisto della prima abitazione per le giovani coppie, tramite il fondo di garanzia dello stato, il dibattito al rispetto è prevedibile. i sostenitori del piano casa tireranno un sospiro di sollievo; i detrattori ne metteranno in luce i pericoli, dato che in caso di mancato pagamento lo stato sarebbe il garante delle famiglie morose.

Esempi di rilancio dell’immobiliare: londra e il governo inglese spingono il mattone

Dopo gli stati uniti e l’irlanda, anche il regno unito si lascia alle spalle la crisi immobiliare. dopo 5 anni di ribassi, stagnazione nelle compravendite e perdita di posti di lavoro, l’ambizioso piano del governo per il rilancio del credito e la robustezza del mattone londinese fanno volare il real estate. favorire l’investimento nel mattone diventa una priorità per il governo inglese